• 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
<<  Luglio 2024  >>
 Do  Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
141617181920
212223242627
28293031   

GIORNATA CALASANZIANA

Luglio
Giovedì
25
Giornata di Preghiera per le Vocazioni 

PREGHIAMO CON LA CHIESA

 

 

Gianfranco Chiti nacque a Gignese, oggi in provincia del Verbano-Cusio-Ossola, il 6 maggio 1921, ma da piccolo si trasferì a Pesaro con la famiglia. A quindici anni cominciò la carriera militare, uscendo a diciott’anni dall’Accademia Militare di Modena col grado di Sottotenente. Combatté su vari fronti, specie su quello russo, entrando a contatto con la sofferenza dei commilitoni. Dopo l’8 settembre 1943 aderì alla Repubblica Sociale di Salò: era spinto unicamente dall’amore per la Patria, ma fu ugualmente internato nei campi di concentramento di Coltano e Laterina. Venne liberato nel 1946, quando fu chiaro che aveva rispettato il giuramento militare e salvato numerosi civili, partigiani e famiglie ebraiche. Fu in questo periodo che venne a Campi Salentina e per due anni fu prefetto dei convittori e docente di matematica nell'Istituto Calasanzio dei padri Scolopi. Reintegrato nell’esercito nel 1948, prestò servizio in Somalia. Dopo essere stato congedato col grado di Generale di Brigata, chiese di essere ammesso tra i Frati Minori Cappuccini: cominciò il noviziato il 30 maggio 1978 e, il 12 settembre 1982, fu ordinato sacerdote con il nome di Gianfranco MariaMorì a Roma, il 20 novembre 2004, per le conseguenze di un incidente stradale. I suoi resti mortali riposano nel cimitero centrale di Pesaro, nella cappella della famiglia Chiti.

Una vita, la sua, che dalla prima giovinezza fino alla vecchiaia ha lasciato dietro di sé un profumo di virtù, anzi di vera e propria santità, testimoniato da innumerevoli voci.

La diocesi di Orvieto-Todi, ottenuto il trasferimento di competenza dal Vicariato di Roma, ha seguito l’inchiesta diocesana per la sua causa di beatificazione e canonizzazione, aperta l’8 maggio 2015 e conclusa il 30 marzo 2019.

Papa Francesco l'ha dichiarato Venerabile il 24 gennaio 2024.

 RINGRAZIAMO IL SIGNORE PERCHE' CONTINUA  A DONARE AL SANTUARIO I SEGNI DELLA SUA SANTITA'.

  • All
  • News
  • Default
  • Date
load more / hold SHIFT key to load all load all
  • Default
  • Date
load more / hold SHIFT key to load all load all
  • LETTERE del Calasanzio on line
  • LETTERE di S. Pompilio on line
  • Monumento
  • Vieni e Vedi ....
  • LINK Utili